Conoscenza generale dell'UE

Tabella dei contenuti

  1. Introduzione sui fondi UE
  2. Fondi della politica di coesione
  3. Fondi specifici
  4. Tempistica: dal quadro finanziario pluriennale al rimborso dei costi
  5. Priorità per il 2021-2027
  6. Principio di partnership
  7. Focus sul FESR
  8. Focus su FSE+
  9. Link utili

Introduzione sui fondi UE

Programmi di finanziamento dell'Unione Europea sono finanziati dal Quadro finanziario pluriennale 2021-2027 e il Piano di ripresa per l'Europa (UE di nuova generazione). I programmi di finanziamento dell'UE possono essere classificati anche in base al tipo di gestione dei fondi, che possono essere a gestione condivisa (chiamati "fondi") o a gestione diretta da parte della Commissione europea.
I fondi sono gestiti congiuntamente dalla Commissione europea e dalle autorità nazionali o regionali; queste ultime sono denominate Autorità di gestione o Organismi intermedi. I fondi a gestione condivisa rappresentano circa l'80 % del bilancio dell'UE e comprendono i fondi della politica di coesione (vedi oltre). Il progetto Helpdesk si concentra principalmente su questi ultimi, poiché sono particolarmente difficili da raggiungere per i fornitori di servizi sociali.

I finanziamenti a gestione diretta sono gestiti dalla Commissione europea o da agenzie dell'UE. Questi finanziamenti comprendono sovvenzioni, garanzie finanziarie, trasferimenti di fondi, attività di monitoraggio, selezione di contraenti, ecc. Tutte le opportunità di finanziamento e di gara d'appalto sono disponibili al seguente indirizzo piattaforma.

Fondi della politica di coesione

Più della metà dei fondi dell'UE viene convogliata attraverso i cinque Fondi della politica di coesione (che una volta si chiamavano Fondi strutturali e di investimento europei - ESIF), gestiti congiuntamente dalla Commissione europea e dagli Stati membri dell'UE.
I Fondi della politica di coesione sono fondi a gestione condivisa per i quali gli Stati membri sono responsabili della creazione di sistemi di gestione e controllo e del rispetto dei requisiti dei regolamenti UE. La Commissione europea svolge un ruolo di supervisione, verificando l'efficacia dei sistemi di attuazione nazionali.

Fondi specifici

La politica di coesione dell'UE 2021-2027 ha fissato i seguenti 5 obiettivi politici a sostegno della crescita, della sostenibilità e dell'inclusione.
  1. Un'Europa più competitiva e intelligente
  2. Una transizione più verde, a basse emissioni di carbonio, verso un'economia a zero emissioni di carbonio.
  3. Un'Europa più connessa grazie al miglioramento della mobilità
  4. Un'Europa più sociale e inclusiva
  5. L'Europa più vicina ai cittadini favorendo lo sviluppo sostenibile e integrato di tutti i tipi di territori
Politica di coesione viene erogato attraverso fondi specifici. Questi fondi sostengono le priorità dell'UE come segue:
  • Il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), per investire nello sviluppo sociale ed economico di tutte le regioni e le città dell'UE e ridurre le disparità di sviluppo all'interno delle regioni dell'UE (principalmente priorità 1 e 2)
  • Il Fondo sociale europeo Plus (FSE+), per sostenere l'occupazione e creare una società equa e socialmente inclusiva nei paesi dell'UE (concentrarsi sulla priorità 4)
  • Il Fondo di coesione (CF), per investire nell'ambiente e nei trasporti nei paesi dell'UE meno prosperi (principalmente le priorità 2 e 3)
  • Il Fondo per la transizione giusta (JTF) è un nuovo strumento della Politica di Coesione 2021-2027 destinato a sostenere le regioni più colpite dalla transizione verso la neutralità climatica (obiettivi specifici dedicati - art. 8 del regolamento JTF)
  • Il I Programmi Interreg hanno a disposizione i seguenti 2 obiettivi politici aggiuntivi: "Una migliore governance della cooperazione" e "Un'Europa più sicura e protetta".

Tempistica: dal quadro finanziario pluriennale al rimborso dei costi

  1. L'adozione del quadro finanziario pluriennale 2021-2027[1]- L'accordo sul bilancio è il primo passo per decidere cosa sarà disponibile per la politica di coesione - 22.12.2020. Processo di negoziazione del bilancio UE a lungo termine 2021-2027 e NextGenerationEU | Commissione europea (europa.eu)
  2. Legislazione sulla politica di coesione - che stabilisce il quadro e le norme comuni per disciplinare l'uso dei fondi dell'UE a gestione concorrente nell'attuale periodo di programmazione - 24.06.2021 . Politica di coesione 2021-2027 - Politica regionale - Commissione europea (europa.eu)
  3. Accordi tra la Commissione europea e i singoli Paesi dell'UE - in corso . Accordi di partenariato sui fondi UE 2021-2027 | Commissione europea (europa.eu)
  4. Approvazione dei singoli programmi operativi - in corso. Programmi - Politica regionale - Commissione europea (europa.eu)
  5. Le autorità di gestione lanciano i loro inviti a presentare proposte - controllare il sito web delle diverse autorità di gestione. Autorità di gestione - Politica regionale - Commissione europea (europa.eu)
  6. I candidati al progetto iniziano a presentare le loro proposte.
  7. Valutazione dei progetti e selezione delle candidature vincenti.
  8. La firma della convenzione di sovvenzione (tra l'AdG e il beneficiario) e l'avvio del progetto.
  9. Attuazione del progetto e stesura della relazione.
  10. Presentazione delle richieste di rimborso e restituzione dei fondi.

[1] decisa congiuntamente dal Consiglio europeo e dal Parlamento europeo sulla base di una proposta della Commissione

Priorità per il 2021-2027

La Politica di coesione è la principale politica di investimento dell'UE, la quale mira a rispondere alle diverse esigenze di sviluppo in tutta l'Unione europea, rafforzandone la coesione economica, sociale e territoriale. La Politica di Coesione 2021-2027 si fonda su due delle sei priorità della Commissione europea, con il Il Green Deal europeo e il Pilastro europeo dei diritti sociali. Nel periodo 2021-2027 la politica di coesione dell'UE ha fissato 5 obiettivi politici: promuovere la crescita economica, la creazione di posti di lavoro, la competitività delle imprese, lo sviluppo sostenibile e la tutela dell'ambiente. A causa dell'attenzione all'inclusività, i fondi della politica di coesione sono rilevanti per i servizi sociali.

Principio di partnership

Il Codice di condotta europeo sul partenariato adottato per il periodo 2014-2020 continua ad essere applicato. Ciò dovrebbe consentire un'ampia partecipazione delle diverse parti interessate all'elaborazione e al monitoraggio dei programmi. Nell'ambito del FSE+, tutti gli Stati membri sono tenuti a sostenere il rafforzamento delle capacità delle parti sociali e delle organizzazioni della società civile, destinando a questo tema una quota adeguata delle loro risorse FSE+. Gli Stati membri con raccomandazioni specifiche per paese devono stanziare almeno 0,25%.

Focus sul FESR

Il FESR è volto a contribuire alla correzione dei principali squilibri regionali all’interno dell’ UE (si veda in tal senso il documento Mappa dell'UE sull'ammissibilità della politica di coesione 2021-2027), sostenendo lo sviluppo e l'adeguamento strutturale delle regioni sottosviluppate e la riconversione delle regioni industriali in declino.

Il FESR prosegue due obiettivi principali:
  • Investimenti per la crescita e l’occupazione - con l'obiettivo di rafforzare il mercato del lavoro e le economie regionali.
  • Cooperazione territoriale europea - mira a rafforzare la cooperazione transfrontaliera, transnazionale e interregionale all'interno dell'UE.
In base alla loro prosperità, tutte le regioni e gli Stati membri contribuiranno ad un'Europa più competitiva e più intelligente (obiettivo politico 1), nonché alla transizione verso un’economia circolare, più verde e a basse emissioni, un’Europa resiliente (obiettivo politico 2). Quanto detto avverrà anche grazie al meccanismo noto come "concentrazione tematica", per il quale:
  • Tutte le regioni e gli Stati membri concentreranno almeno il 30% degli stanziamenti nell'obiettivo politico 2;
  • Le regioni o gli Stati membri più sviluppati dedicheranno almeno l’85% del loro stanziamento all'obiettivo politico 1 e all'obiettivo politico 2;
  • Le Regioni e gli Stati membri in transizione concentreranno almeno il 40% degli stanziamenti l'obiettivo politico 1;
  • Le Regioni e gli Stati membri meno sviluppati concentreranno almeno il almeno 25% nell'obiettivo politico 1.

Focus su FSE+

Il FSE+ è il principale strumento finanziario con cui l'Europa investe sulle persone, rafforzando la coesione sociale attraverso la promozione e creazione di posti di lavoro, lo sviluppo delle competenze e sostenendo una società equa e socialmente inclusiva. Il FSE+ contribuisce all'obiettivo politico 4: un'Europa più sociale e inclusiva. Il FSE+ fornisce un’ importante contributo alle politiche dell'UE in materia di occupazione, inclusione sociale ed istruzione, comprese le riforme strutturali in questi settori.
Per il periodo di programmazione 2021-2027, il FSE+ investirà in tre aree principali:
  • Occupazione: per incrementare l'adattabilità dei lavoratori aiutandoli ad acquisire nuove competenze e quella delle aziende promuovendo nuovi modi di lavorare.
  • Istruzione e formazione: migliorare l'accesso all'occupazione, sostenere i giovani studenti nella transizione verso il mondo del lavoro e formare le persone disoccupate e meno qualificate, al fine di migliorarne le prospettive occupazionali.
  • Inclusione sociale: aiutare gruppi di persone in condizione di svantaggio a trovare lavoro (ad esempio a causa di una disabilità). Ciò contribuisce a rafforzare l’inclusione sociale, poiché l'occupazione svolge un ruolo cruciale nell'integrazione sociale e nella vita quotidiana.
L'ESF+ è il risultato della combinazione dei seguenti fondi:

Fondi

Tipo di gestione

Breve descrizione

Il precedente Fondo sociale europeo (FSE)
Contribuisce a sostenere i posti di lavoro, ad aiutare le persone a trovare un lavoro migliore e a garantire opportunità di lavoro più eque per tutti i cittadini dell'UE.
L'iniziativa per l'occupazione giovanile (YEI)
Gestione condivisa
Sostiene i giovani nelle regioni in cui la disoccupazione è più alta di 25%
Il Fondo per gli aiuti europei agli indigenti (FEAD)
Sostiene le azioni dei Paesi dell'UE per fornire cibo e/o assistenza materiale di base agli indigenti.
Il Programma per l'occupazione e l'innovazione sociale (EaSI)
Gestito direttamente dalla Commissione
Promuovere un alto livello di occupazione sostenibile e di qualità, garantendo una protezione sociale adeguata e dignitosa, combattendo l'esclusione sociale e la povertà e migliorando le condizioni di lavoro.

Questa nuova architettura intende fornire un quadro semplificato per i beneficiari, aumentando l'impatto dei programmi e dei progetti nel settore sociale. Inoltre, il nuovo regolamento include un articolo dedicato al legame tra il FSE+ e il Fondo di coesione. Carta dei diritti fondamentali[1]. Per quanto riguarda il bilancio, la quota del FSE+ sul bilancio complessivo della politica di coesione è aumentata da 23% dei Fondi strutturali a 27%.

[1] Particolarmente importante per i paesi che lottano contro lo stato di diritto, la separazione dei poteri e i diritti umani.

Il FSE+ sosterrà inoltre gli Stati membri nel raggiungimento degli obiettivi UE 2030 in materia di occupazione, competenze e riduzione della povertà, stabiliti dalla Commissione europea. Piano d'azione del Pilastro europeo dei diritti sociali. Ogni Stato membro stabilisce le proprie priorità (e la rispettiva allocazione dei fondi) in base a raccomandazioni specifiche per paese del semestre europeo.
Concentrazione tematica:
  • Gli Stati membri devono inoltre destinare almeno 25% alla promozione dell'inclusione sociale;
  • Gli Stati membri devono inoltre stanziare almeno 3% per combattere le privazioni materiali;
  • Almeno 12,5% delle loro risorse FSE+ per sostenere l'occupazione giovanile e i "Not in Education, Employment or Training" (NEET) (solo quelli interessati dalle raccomandazioni).
  • Almeno 5% delle loro risorse FSE+ per affrontare la povertà infantile (solo quelle interessate dalle raccomandazioni).
  • Almeno 0,25% delle loro risorse FSE+ dovrebbero essere destinate al rafforzamento delle capacità delle parti sociali e della società civile e all'attuazione del dialogo sociale (solo per i paesi interessati dalle raccomandazioni).

La Commissione europea consulta il Comitato FSE+ che si concentra su questioni rilevanti per l'attuazione dei programmi FSE+. Il Comitato è presieduto dalla Commissione e composto da 3 rappresentanti per ogni Stato membro (un rappresentante del governo, compreso il capo missione FSE+, un rappresentante delle organizzazioni dei lavoratori e un rappresentante delle organizzazioni dei datori di lavoro) e un rappresentante di ciascuna delle organizzazioni che rappresentano le organizzazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro a livello di Unione.

Link utili

Supporto HELPDESK

Co-finanziato dall'Unione Europea. I punti di vista e le opinioni espresse sono tuttavia esclusivamente quelli dell'autore o degli autori e non riflettono necessariamente quelli dell'Unione europea. Né l'Unione Europea né l'autorità concedente possono essere ritenute responsabili.

Finanziato dall'Unione europea. I punti di vista e le opinioni espresse sono tuttavia esclusivamente quelli dell'autore o degli autori e non riflettono necessariamente quelli dell'Unione Europea. Né l'Unione Europea né l'autorità che concede il finanziamento possono essere ritenuti responsabili.

Supporto HELPDESK

Finanziato dall'Unione europea. I punti di vista e le opinioni espresse sono tuttavia esclusivamente quelli dell'autore o degli autori e non riflettono necessariamente quelli dell'Unione Europea. Né l'Unione Europea né l'autorità che concede il finanziamento possono essere ritenuti responsabili.
Copyright ©2022 HELPDESK